Bari International Music FestivalContact Us

May 24 - June 7, 2014

DAI DIRETTORI


Lettera del direttore esecutivo
Cari Amici,

in qualità di direttore del Bari International Music Festival è con grande piacere che vi do il benvenuto alla stagione 2014 intitolata Voces Intimae. Dopo lo straordinario successo di pubblico e di critica riscosso dalle nostre prime due edizioni, anche quest'anno abbiamo profuso lo stesso entusiasmo e la stessa gioia nel dare forma a un programma che, ne sono certo, affascinerà e delizierà il pubblico tutto. Coerentemente con la nostra visione artistica, il BIMF continuerà ad arricchire la vita e l’offerta culturale della città di Bari e della Puglia, regalando una terza edizione che si preannuncia indimenticabile e che mira a superare ogni aspettativa.

Anche quest’anno siamo felici di ospitare acclamati musicisti provenienti da ogni parte del globo. Tutti gli artisti sono diventati parte del BIMF non soltanto per il loro riconosciuto talento, ma anche per il desiderio dichiarato di creare un legame con la comunità in cui si esibiranno e insegneranno. Dunque non solo musicisti, ma veri e propri ambasciatori della musica.

Nel corso dell'anno, il Bimf si è impegnato a promuovere numerose iniziative: dal Christmas Concert, replicato in diverse località pugliesi, all'organizzazione di workshops, dalle masterclass ai concerti che hanno portato la musica nelle scuole. Il Bimf è una realtà in continua espansione e sono lieto di constatare il rilievo sempre maggiore che sta assumendo a livello locale, nazionale e internazionale. Un impegno costante che non cessa di riscuotere il dovuto successo, del quale riceviamo costanti conferme.

È con altrettanta gioia che vi estendo l’invito di unirvi alla famiglia del BIMF in qualità di donatori. La vendita dei biglietti riesce a coprire solo il 10 per cento del budget operativo e il BIMF si affida alla generosità dei suoi mecenati, delle organizzazioni locali e governative per poter mantenere inalterata l’eccellenza della sua offerta. Inoltre il vostro sostegno aiuta a fornire borse di studio per i partecipanti all’Accademia, un programma formativo che arricchisce la vita musicale, ma non solo, dei giovani talenti.

Vi aspetto numerosi questa primavera per la nostra terza edizione, con la promessa e il piacere di condividere ancora una volta assieme momenti di arte e di gioia, felici di poter offrire alla città di Bari e alla Puglia il preziosissimo dono della musica.

Fernando Altamura
Direttore Esecutivo 



Lettera del direttore artistico
Cari Amici,

È con grande piacere che vi presento Voces Intimae, il programma della stagione BIMF 2014. Il nome quest’anno dato al festival si ispira alle due parole poste da Sibelius su tre accordi, nel manoscritto del suo quartetto posseduto da un suo amico. Un fine inafferrabile proprio come il significato delle parole latine. Traducibile come “voci intime” o “voci interiori” (quest’ultima traduzione con proprie connotazioni musicali), l’espressione si riferisce alla meditabonda conversazione fra i quattro strumenti, o forse all’uso che Sibelius fa del quartetto come mezzo per dar voce ai propri pensieri nascosti. Un utilizzo verbale ambiguo che, senza dubbio, contribuisce a dare a queste parole un certo fascino. La musica da sempre è stata lo strumento di espressione del mondo interiore umano, e la musica da camera è il palcoscenico su cui gli strumenti conversano in tempo reale.

Quest’anno siamo emozionati di presentare il soprano di fama mondiale Sherezade Panthaki, che si esibirà per la prima volta a Bari. Aprirà la serie di concerti di questa edizione con un programma intitolato La voce barocca, che prevede mirabolanti e suadenti arie di Handel accanto a opere strumentali barocche o di ispirazione barocca. Voces Intimae ruota intorno all’enigmatico quartetto di Sibelius Voces Intimae, affiancato da opere altrettanto intime e vibranti di Strauss, Rachmaninov e Arvo Pärt. Per amore di Clara presenta le musiche appassionate di quello che è il triangolo amoroso più famoso della musica – Clara Schumann, Robert Schumann e Johannes Brahms –, mentre Intimacy and Excess esplora gli estremi quasi bipolari delle Tre Sonate per violino e pianoforte, Op. 30 di Beethoven. Il concerto finale della stagione, In Memoriam, si compone di due delle opere più toccanti della letteratura cameristica, i Trii per pianoforte di Shostakovich e Tchaikovsky – entrambi nati dal dolore della perdita di un caro amico.

Il tema di quest’anno sottolinea l’importanza della musica classica nel tessuto sociale: “le parole vengono meno, la musica parla”. Non vediamo l’ora di incontrarvi a maggio e giugno per uno scambio all’insegna della buona musica.

David Fung
Direttore Artistico




envelope**ISCRIVITI ALLA MAILING LIST PER RICEVERE LE ULTIME NOVITÀ SUL FESTIVAL